Home2020-01-26T16:24:07+00:00

ALOE VERA SUCCO

Integratore Alimentare

Senza aggiunta di acqua, in quanto da 1 kg di materia prima si ottiene un litro di prodotto. L’acqua presente è “acqua di Aloe”, contenente quindi numerose proprietà.

L’origine della materia prima è il Messico ed il contenuto di polisaccaridi non è inferiore al 10%.

Il grado di purezza è superiore al 99,6%, OGM free e gluten free, non contiene ftalati e non contiene alcun tipo di allergene come previsto dalla Normativa Europea

9 domande per conoscere meglio l’Aloe Vera

1.Che cos’è l’Aloe Vera?2020-01-26T14:05:49+00:00

L’Aloe Vera è una delle piante medicamentose più importanti e maggiormente note al mondo. Con più di 200 componenti è un vero e proprio multitalento per le più svariate applicazioni. Data la sua vasta efficacia viene anche definita la regina delle piante medicamentose. L’Aloe Vera barbadensis è considerata la vera Aloe Vera su 300 differenti tipi di Aloe.

2.Da dove proviene l’Aloe Vera?2020-01-26T14:08:23+00:00

L’Aloe Vera Barbadensis viene coltivata in tutte le regioni tropicali e subtropicali del mondo – in Africa, Venezuela, Ecuador, Florida, Canarie e Messico. La superficie coltivata a livello mondiale va dai 24.000 ai 36.000 ettari. La nostra Aloe Vera viene coltivata in Messico.

3.Come viene coltivata l’Aloe Vera?2020-01-26T14:12:20+00:00

L’altopiano del Messico è uno dei luoghi più idonei alla coltivazione dell’Aloe Vera. E’ soprattutto il tipo di coltivazione che rende questa pianta così pregiata e richiesta da tutto il mondo.

Sono molto rigidi i biocriteri a cui devono rispondere i terreni vulcanici che si trovano ad un’altezza di quasi 1000 metri. Prima che un terreno venga adibito alla coltivazione dell’Aloe Vera, il proprietario deve dimostrare che non sia stato utilizzato alcun tipo di prodotto chimico negli ultimi tre anni.

Intorno alle coltivazioni di Aloe Vera vengono erette le cosiddette zone di protezione, in modo che nessun tipo di contaminazione da concimi o pesticidi raggiunga il terreno confinante. Anche l’irrigazione viene esaminata e certificata regolarmente da istituti indipendenti.

Per la concimazione vengono utilizzati solo gli scarti delle foglie di Aloe Vera precedentemente lavorata. Queste sono le premesse migliori affinché le piante di Aloe Vera possano crescere senza contaminazioni da sostanze esterne.

La raccolta avviene a mano. Per ogni pianta vengono tagliate al massimo sei foglie lunghe circa un metro. Il prezioso filetto contenuto nella foglia è della migliore qualità e viene utilizzato come materia prima per la produzione di integratori alimentari e prodotti di cosmesi.

4.Aloe Vera è una pianta di moda?2020-01-26T14:32:23+00:00

L’utilizzo dell’Aloe Vera è una tradizione secolare. Già in epoca avanti Cristo veniva utilizzata per benessere e bellezza.

Alessandro Magno (356 – 323 a.C.) curava i soldati feriti con il succo dell’Aloe Vera.

Il medico dell’antica Grecia Discuride era il più famoso farmacologo dell’antichità, ha prestato servizio sotto Claudio e Nerone ed era entusiasta dell’Aloe Vera. Consigliava di bere il succo anche in caso di disturbi gastrici ed intestinali, dolori alle articolazioni, bruciature da sole e molti altri dolori.

Nel mondo egizio Cleopatra e Nefertiti utilizzavano quotidianamente una pasta a base di Aloe Vera come trattamento di bellezza.

 

5.Cosa si nasconde nell’Aloe Vera?2020-01-26T14:17:14+00:00

Le foglie contengono più di 200 componenti. Tra queste minerali, vitamine, enzimi, acidi grassi, amminoacidi, oli eterici, acido acetilsalicilico e acemanno – una molecola di zucchero polisaccaride che l’organismo umano è in grado di produrre fino alla pubertà. Grazie all’ottimo equilibrio delle componenti l’Aloe Vera ha effetti benefici per il benessere.

 

6.Per cosa si può utilizzare l’Aloe Vera?2020-01-26T14:18:35+00:00

Per quanto riguarda l’applicazione esterna, vengono riconosciuti molti utilizzi per l’Aloe Vera: contro piccole scottature, ferite non guarite bene, lividi, ezemi, ascessi, funghi, neurodermiti, herpes, forfora, caduta dei capelli, paradontodi e acne. Inoltre le sue proprietà idratanti, calmanti e rigeneranti le permettono di trovare applicazione anche in ambito cosmetico. L’Aloe Vera può essere anche assunta. Aiuta a risolvere problemi di stomaco, reni, pancreas, infezioni intestinali croniche, artereosclerosi, angina pectoris, artrite, gotta, sciatalgia, fibromialgia, reumatismi, diabete tipo II.

7.I ricercatori di che cosa credono capaci l’Aloe Vera?2020-02-15T14:28:15+00:00

Come per tutte le complesse sostanze naturali è molto difficile provare tramite la medicina scolastica effetti positivi tramandati per tradizione. Tuttavia ci sono molti presupposti.

Uno studio condotto su 44 adulti per vedere l’effetto del gel dell’Aloe Vera sulla darmatite seborroica in particolare su viso e cuoio capelluto fornisce i seguenti risultati: il 60% dei pazienti sottoposti al trattamento ha avuto miglioramenti, nel gruppo di controllo solo il 20%.

Uno studio condotto su 180 uomini ha mostrato l’effetto della crema Aloe Vera sull’Herpes genitalis. I pazienti hanno notato miglioramenti in poco tempo (4,9 in 12 giorni) /66,7% contro 6,7%).

Uno studio svedese mostra l’efficacia della crema Aloe Vera sulla forfora – l’83% dei pazienti ha registrato un miglioramento dei sintomi.

Un ulteriore studio è stato condotto su pazienti con acne. I pazienti hanno applicato un gel solo su metà viso, sull’altra metà hanno applicato lo stesso gel arricchito da Aloe Vera – sulla metà con l’aloe sono stati registrati miglioramenti 72 ore prima.

A 60 pazienti affetti da iperlipidemia che non si sono sottoposti ad una dieta, nel corso di uno studio è stata somministrata Aloe Vera: si è registrata una significativa riduzione del colesterolo, LDL e trigliceridi.

Uno studio dell’università di Svranton, Pennsylvania ha dimostrato che il gel dell’Aloe Vera aumenta la biodisponibilità di vitamina C del 204%, di vitamina B 12 del 269%.

Buoni risultati per l’Aloe Vera. Altre correnti di pensiero tra i ricercatori pensano a più ampie basi scientifiche per l’efficacia e l’impiego dell’Aloe Vera. Quindi è sempre più provato che le tradizioni non sono solo un’illusione, ma una verità scientifica.

8.Quali sostanze dell’Aloe Vera vengono lavorate?2020-01-26T14:31:45+00:00

L’Aloe Barbadensis fornisce due materie prime che vengono utilizzate in maniera diversa:

  1. Il liquido che esce spontaneamente quando si taglia la foglia. Questo liquido giallastro di secca e contiene dal 15 al 40% di aloina tossica. Viene utilizzato per la produzione di prodotti farmaceutici ed ha un’azione lassativa. Un sovradosaggio può causare seri effetti collaterali: dislocazione degli elettroliti, danni a reni e fegato, sanguinamenti intestinali. La World Health Organisation (WHO), il Comitee on Herbal Medicinal Products (HMPC) e l’istituto tedesco per il calcolo del rischio definiscono questo liquido succo oppure succo secco.
  2. Il gel incolore presente all’interno della foglia viene utilizzato per gli alimenti. Si può bere ed è un integratore alimentare molto apprezzato. Quando le organizzazioni sopra citate WHO, HMPC e BfR, ma anche qualche produttore, parlano di Aloe Vera gel, lo definiscono succo, generando confusione.

Nel gel è contenuta una percentuale di aloina irrisoria. Solo poche aziende possono però legalmente definire i loro Aloe Vera drinking gel “privi di aloina” e sono grazie a rigide regole dalla coltivazione alla lavorazione ciò può essere garantito.

9.Come viene estratto il gel dalle foglie?2020-01-26T14:23:56+00:00

La scorza verde della foglia viene rimossa completamente e con attenzione già nella piantagione. Resta la polpa della foglia – trasparente e gelatinosa. La polpa viene spremuta e si ottiene un succo (= Aloe Vera gel). Questo gel viene pompato in botti di raffreddamento e gli vengono aggiunti stabilizzatori per mantenere intatte le pregiate componenti.

Dosi consigliate: un misurino da 20 ml due volte al giorno mattino e sera, agitando il contenuto prima di versare. Nel caso disturbasse lievemente l’intestino si può diluire la dose in succo di frutta o acqua prima dei due pasti principali.

Una volta aperta la bottiglia va conservata in frigorifero.

LA NEWSLETTER

Iscriviti per essere aggiornato